DIALOGHI COI BAMBINI SULLA MORTE. LE FANTASIE, I VISSUTI, LE PAROLE SUL LUTTO E SUI DISTACCHI

Autore: 
Daniel Oppenheim
Anno: 
2004
Casa Editrice: 
Erickson

Arriva il momento in cui sia i bambini che gli adolescenti sono costretti a confrontarsi con il tema della morte, evento che tende, il più delle volte, a presentarsi improvvisamente, arrivando a sconvolgere l’ordine precostituito e consolidato, che sia l’ambiente familiare che quello sociale hanno tentato di erigere intorno a loro per proteggerli da tutti quei traumi, che una circostanza del genere può scatenare e mettere in atto.
La morte, infatti, come episodio reale o possibile prospettiva di una condizione patologica, personale o altrui, risulta essere una delle principali forme di trauma che si presentano nella vita di ogni individuo, e che risultano particolarmente gravi per bambini e adolescenti.
La maggioranza degli adulti, perciò, tenta di preservare e proteggere i giovani da tale esperienza dolorosa il più a lungo possibile; nel momento, però, in cui ciò non risultasse più attuabile, essi vengono a trovarsi in situazioni che non sempre si dimostrano capaci di affrontare in modo adeguato. Specie come genitori devono far fronte a tutte le reazioni, le emozioni, i dubbi e gli interrogativi che i loro figli improvvisamente si trovano ad avere e che, inevitabilmente, rivolgono verso di essi, quali principali figure di riferimento.
Prendere in esame questo tema, affrontarlo, e cercare di scomporlo nei suoi molti aspetti non è semplice, anzi risulta un compito molto complicato e, soprattutto, molto delicato.
Daniel Oppenheim, attraverso questo suo volume, cerca di fornire un valido sostegno e dei suggerimenti utili per tutti quei genitori che desiderino impostare un dialogo aperto con i propri figli, affinché questi possano superare la loro difficile prova, arrivando a trasformarla in una, seppur dolorosa, esperienza di crescita e maturazione.
In questo libro, infatti, vengono presentate le storie tratte dai casi clinici incontrati dall’autore durante la sua attività professionale, le quali possono offrire degli spunti di riferimento, consigli ed esempi per chi legge e abbia intenzione di prendere ispirazione raccogliendo informazioni utili per confrontarsi con i propri figli, le loro riflessioni e il loro bisogno di comprendere meglio i concetti di vita e di morte.

Autore recensione: 
Emilia Uccello
Voto: 
10
CrocifissoIl PapaHrastovljeLe donneSorella MorteDiscussione sulle cure di fine vita in ToscanaEpitaffio ParacelsoTavola rotonda: "Come si muore in Toscana"