La Camera approva DDL sulle cure palliative all'unanimità

Approvazione all'unanimità da parte della Camera dei deputati del provvedimento che istituisce ex novo la rete nazionale per le cure palliative e per le terapie del dolore.

Ne dà annuncio Domenico Di Virgilio, vicepresidente del gruppo Pdl della Camera, che sottolinea: "Sebbene la discussione in commissione Affari sociali e il confronto con l'opposizione siano stati a volte duri, attraversando anche spesso momenti di tensione, la volontà di far prevalere il bene comune e il bene dei cittadini ammalati gravemente ha avuto la meglio su posizioni politiche contrastanti ancorate ad assurde ideologie. Il provvedimento passa ora al Senato e speriamo che possa essere licenziato al più presto, così com'è senza modifiche, al fine anche di avvicinare l'Italia alla media dei Paesi europei più avanzati, visto che oggi ben l'80 per cento dei malati oncologici muore ancora in ospedale e lontano dalla propria famiglia".

LA SOCIETA' ITALIANA CURE PALLIATIVE - Per i 250 mila malati che in Italia si trovano ad avere necessità di cure palliative è quasi pronta la nuova legge n. 1771, già licenziata dalla Camera e in approvazione al Senato. Le prospettive di applicazione della Legge sono state presentate dalla SICP (Società Italiana Cure Palliative) in una conferenza stampa tenutasi oggi al Circolo della Stampa di Milano. "Per essere davvero efficace - ha dichiarato Francesca Crippa Floriani, Presidente della Federazione Cure Palliative Onlus - la nuova legge non dovrà limitarsi alle buone affermazioni di principio che contiene, ma dovrà essere il punto di partenza per ulteriori passi concreti. La priorità assoluta va alla necessità di realizzare la rete delle cure palliative in tutto il territorio nazionale, con standard di qualità omogenei e in integrazione col terzo settore: ora non sono più accettabili vuoti e differenze da Regione a Regione, da ASL ad ASL, da ospedale ad ospedale". "Rimane ancora sospesa - ha sottolineato Floriani - l'adeguata definizione della figura del medico palliativista nel suo percorso formativo, e la volontà di portare avanti una ricerca di qualità nell'ambito delle cure palliative e della terapia del dolore. Aspettiamo quindi fiduciosi il passaggio in Senato e confidiamo in un ulteriore salto di qualita'". Per la migliore applicazione della nuova Legge, è necessaria un'analisi dettagliata sulla reale situazione dell'assistenza domiciliare per le cure palliative, e per questo la Sicp ha predisposto una indagine accurata sul territorio. "Abbiamo promosso assieme alla SIMG (Società italiana di Medicina Generale), alla AgeNaS (Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali), al Ministero del Welfare e con il supporto della Fondazione Floriani e della Federazione cure palliative e della Wyeth Lederle, una 'Indagine conoscitiva nazionale sullo sviluppo delle cure palliative domiciliari come livello essenziale di assistenza' - ha detto Giovanni Zaninetta, presidente nazionale di SICP - I risultati sono molto importanti perchè ci permetteranno di comprendere l'effettivo stato delle cure palliative domiciliari nel nostro Paese, nella concretezza della pratica quotidiana al di la' degli annunci o delle promesse". Quanto all'utilizzo di oppiacei, dai primi risultati della indagine della Sicp emerge che vi è una piena consapevolezza solo nel 35,3% dei malati, mentre essa è totalmente assente nel 42,2% dei pazienti. Nel 38,9 % dei casi il care giver, colui che segue il paziente, non è d'accordo nell'informare il malato dell'impiego degli oppiacei. Il 53,8% dei malati sarebbe interessato ad avere maggiori informazioni sui farmaci che assume, e il 43% di questi sostanzialmente ignora di assumere oppiacei.

Fonte: salute.aduc.it - 22 ottobre 2009

OrologioFunerali d'EttoreBerlino - Südwestkirchhof StahnsdorfLe cure palliative in ToscanaTrionfo della Morte Il sacerdoteRosalia LombardoIl silenzio