Testamento biologico. Settimana decisiva al Senato

La prossima settimana sarà un momento decisivo al Senato sul testamento biologico, in quanto il testo di legge, dopo le modifiche apportate a Palazzo Madama, dovrebbe tornare a Montecitorio e, visto l'ormai prossimo approdo in Parlamento, prima della Nota di aggiornamento del Def e poi della legge di Bilancio, potrebbero non esserci i tempi tecnici per una sua conversione in legge entro la fine della legislatura, anche a causa dei troppi emendamenti presentati lo scorso luglio in Commissione Sanità, oltre 3000, che non permetterebbero un approdo in Aula in tempi brevi.

Questa settimana procederanno i lavori alla Commissione, ma tuttavia se non si dovessero ridurre sensibilmente il numero di emendamenti presentati e se continuasse a persistere il clima ostruzionistico attuale, la relatrice potrebbe chiedere l'invio in Aula senza mandato del relatore. Una decisione che è stata, in questi ultimi mesi, chiesta in più occasioni dai Radicali, la quale dovrebbe però essere avallata dalla Conferenza dei capigruppo e dalla presidenza del Senato.

L'approvazione del disegno di legge in questo modo sarebbe tutt'altro che scontata, in quanto la maggioranza potrebbe contare su numeri diversi rispetto a quelli della Camera. In aggiunta l'invio senza mandato del relatore ed un numero così elevato di emendamenti da esaminare potrebbe fornire un futuro incerto al provvedimento.

ManiContributo artisticoSignora AgataPer una lettura filosofica delle decisioni alla fine della vitaCripta dei tre scheletriFunerali d'EttoreLapideEpitaffio Paracelso