Venezia: raccolte 1300 firme in 3 mesi per il testamento biologico

Sono esattamente 1307 le firme raccolte per chiedere al Comune di Venezia l'istituzione di un registro delle dichiarazioni
anticipate di trattamenti sanitari e che ieri sono state consegnate al sindaco per il tramite del Capo Gabinetto.

«Queste 1307 firme raccolte dal mese di luglio - dice Franco Fois dell'associazione Luca Coscioni (fra i promotori dell'iniziativa assieme a Sinistra e Libert‚, UAAR e altri) - appartengono a 1307 residenti che chiedono al comune
di istituire questo registro. Non sono state raccolte solo da partiti e associazioni, ma c'è€ stata una grandissima partecipazione di privati cittadini che hanno scaricato il modulo e l'hanno distribuito in giro».

E' il caso della signora Giovanna Pettenello che €è riuscita a raccogliere piùƒ di duecento firme e spiega: «Ho deciso di agire perchè si tratta prima di tutto di una battaglia per la libertà di scelta». Secondo i promotori, si tratta di una mobilitazione che esprime il profondo bisogno della società‚ di avere dalle istituzioni delle risposte chiare sulla regolamentazione delle scelte di fine vita.

La consegna della petizione giunge proprio all'indomani della presentazione in Consiglio Comunale della mozione, firmata da Casson, sulla creazione del registro. Se la mozione dovesse ricevere parere favorevole al prossimo Consiglio Comunale, Venezia potrebbe diventare la seconda città‚ veneta dopo Vicenza ad aver istituito il registro per il testamento biologico.

Fonte: associazione luca coscioni

La piccola borghesiaArs MoriendiStemma dei SchwarzenbergIl cavaliere, la morte e il diavoloCripta dei baciniGli stati vegetativiCorteoDettaglio sarcofago