GR.E.CA.LE.: "la continuità assistenziale nelle cure di fine vita"

L'Associazione GR.E.CA.LE. organizza venerdì 22 maggio a Careggi (presso l'aula Grande del Cubo - viale Pieraccini) un Seminario "LA CONTINUITÀ ASSISTENZIALE NELLE CURE DI FINE VITA E NELLA MALATTIA A PROGNOSI INFAUSTA" per approfondire gli aspetti sanitari ed etici di un tema di grande attualità: come effettuare una corretta presa in carico del malato nelle fasi terminali della patologia, per garantire sia la pianificazione anticipata delle cure che un idoneo passaggio dalla terapia attiva alle cure palliative.

Il Seminario sarà così di seguito strutturato:

h 9:00 Introduzione e saluto Autorità

h 9:20 I Sessione

La presa in carico del malato, il riconoscimento dei bisogni, l’ascolto, la pianificazione dell’assistenza

Moderatori/provocatori fra ospedale e territorio
Andrea Lopes Pegna (Pneumologia 1 - Careggi)
Alessandro Bussotti (MMG)
Relatori
Laura Doni (Oncologia Medica - Careggi)
Stefano Grifoni (Emergenza - Accettazione – Accoglienza - Careggi)
Alessandro Morettini (SOD Medicina Interna 1 - Careggi)
Luigi Rinaldi (TMO - Careggi)
__________________________________________________________________________
Quesiti
1) come si può garantire la continuità assistenziale nelle cure di fine vita e nella malattia a prognosi infausta? cosa sei disposto a dare e cosa pretendi per garantire la continuità assistenziale?
2) quali sono le difficoltà che incontri per attuare il riconoscimento dei bisogni?
3) quali sono le tue criticità per poter realizzare una pianificazione comune dell’assistenza?
Altri spunti di discussione
- capire come mai un ammalato in fase terminale o con malattia a prognosi infausta arriva al Pronto Soccorso; perché non è più possibile seguirlo al proprio domicilio; come evitare gli accessi ripetuti al Pronto Soccorso
- è realizzabile al Pronto Soccorso la presenza di un referente che, sulla base di protocolli condivisi per i malati in fase terminale, possa attuare un percorso assistenziale prendendo subito contatti col Medico di Medicina Generale?
- come avviene il momento della dimissione: continuità assistenziale e ruolo del Medico di Medicina Generale e della rete di assistenza domiciliare
- riconoscimento dei bisogni e ruolo del Medico di medicina Generale
- studiare strumenti che possano facilitare la continuità assistenziale (cartella condivisa con possibilità di accedere alle relazioni di degenza dei vari ricoveri, telefono del medico di famiglia scritto in cartella ecc.)

h 11:10 II Sessione

Dalla terapia attiva alle cure palliative: continuità assistenziale per prendersi cura delle persone alla fine della vita

Moderatori/provocatori per la "Società Civile"
Donatella Carmi Bartolozzi (F.I.L.E.)
Mariella Orsi (sociologa - ASL 10)
Relatori
Patrizia Brugnoli (Fisioterapista – Careggi)
Mauro Fiaccheri (Cardiologia Generale 1 – Careggi)
Mario Lino (Villa le Terme)
Piero Morino (Hospice Convento delle Oblate)
_________________________________________________________________________
Quesiti
1) hai difficoltà a capire quando è il momento del passaggio dalla terapia attiva a quello delle sole cure palliative? Hai difficoltà nella comunicazione in questa fase con l’ammalato e/o la famiglia?
2) quando hai capito che è il momento di lasciare la terapia attiva, cosa fai? Coinvolgi il palliativista? Quale rimane il tuo compito nel piano di assistenza?
3) Per Mario Lino: è cambiato qualche cosa, col dibattito in corso, per quanto riguarda la problematica della direttive anticipate?

Altri spunti di discussione
- ci sono indici per capire e che possano aiutare quando sospendere le terapie attive nell’ammalato di neoplasia o di altra patologia a prognosi infausta? per esempio per il cardiologo si hanno indici per capire quando disattivare un defibrillatore impiantabile, quando non attuare terapia con amine ecc.?
- il malato affetto da insufficienza respiratoria o cardiaca terminale tocca più facilmente del malato oncologico i reparti di rianimazione nella fase terminale della malattia; come è possibile che muoia al proprio domicilio o in hospice piuttosto che in ospedale?

Il PapaContributo artisticoPère Lachaise 8Tomba ParacelsoMonument aux Morts 2Père Lachaise 13La sfilataTavola rotonda: "Come si muore in Toscana"