Antropologia, Etica, Letteratura, Psicologia, Sanita', Spiritualità

IL CATINO DI ZINCO

Autore: 
Margaret Mazzantini
Anno: 
2009
Casa Editrice: 
Marsilio, 2009

Opera prima di Margaret Mazzantini - il catino di zinco - risulta essere un romanzo dal linguaggio aspro e duro, che racconta con estrema semplicità e crudezza la vita di una donna, della sua famiglia e delle sue morti.

Autore recensione: 
Emilia Uccello
Voto: 
8

IL POSTO DELLE FRAGOLE

Autore: 
Ingmar Bergman
Anno: 
2004
Casa Editrice: 
Iperborea, Milano

Esiste forse per ciascuno di noi un posto particolare dove il tempo si è fermato e tutto sembra essere incantato, “un posto delle fragole”, un luogo in cui si è come posti davanti ad uno specchio per vedere quello che siamo diventati, quello che abbiamo perduto e quello che, forse, possiamo ancora ritrovare.

Autore recensione: 
Emilia Uccello
Voto: 
8

LE INTERMITTENZE DELLA MORTE

Autore: 
José Saramago
Anno: 
2005
Casa Editrice: 
Einaudi, Torino

Improvvisamente la morte sospende le sue attività. Allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre in un non meglio specificato Paese nessuno muore più.
Ecco la situazione assurda da cui Saramago parte e dalla quale vuole far partire i suoi lettori.
In tono ironico e sarcastico, attraverso le sue parole, l’autore ci conduce in viaggio in questo Paese e inizia a mostrarci il volto della vita e della morte.

Autore recensione: 
Emilia Uccello
Voto: 
10

NELLE TUE MANI. Medicina, fede, etica e diritti

Autore: 
Ignazio Marino
Anno: 
2009
Casa Editrice: 
Einaudi, Torino

Avere la responsabilità dell’altro e cercare di mettere in campo, al meglio, le proprie competenze è quello che viene richiesto ai professionisti della salute che nella società odierna non sono solo chiamati a metter in pratica i loro saperi, ma anche a rivolgere la propria attenzione verso altri aspetti della pratica medica.

Autore recensione: 
Mariella Orsi e Emilia Uccello
Voto: 
10

OSCAR E LA DAMA IN ROSA

Autore: 
Eric-Emmanuel Schmitt
Anno: 
2004
Casa Editrice: 
BUR, Milano

Oscar è solo un bambino di 10 anni, ma la sua vita è già giunta al suo termine, a causa della leucemia che lo sta uccidendo. Non gli resta molto da vivere nell’ospedale in cui è ricoverato e dove passa la maggior parte del tempo lontano dai suoi genitori, che a fatica riescono ad accettare l’insuccesso delle terapie effettuate sul loro unico figlio.
Il piccolo Oscar però sa della sua fine imminente, ma non può parlare a nessuno, perché tutti per paura fanno finta di non saperlo, accrescendo in lui la rabbia e il rancore per quel mondo di adulti ormai così ipocrita ai suoi occhi.

Autore recensione: 
Emilia Uccello
Voto: 
10

SPAVENTO

Autore: 
Domenico Starnone
Anno: 
2009
Casa Editrice: 
Einaudi, Torino

In questo libro viene affrontato il vero spavento, quello reale e concreto di chi scopre all’improvviso che qualcosa non va e inizia irrimediabilmente a pensare alla morte e quello che ne consegue.
Nelle pagine scritte da Domenico Starnone si intrecciano, quasi per gioco, la vita di due personaggi, quella dello scrittore e quella del suo personaggio, opera di fantasia.
Entrambe queste figure riescono in uno strano modo ad influenzarsi e modificarsi a vicenda.

Autore recensione: 
Emilia Uccello
Voto: 
9

VERONIKA DECIDE DI MORIRE

Autore: 
Paulo Coelho
Anno: 
2008
Casa Editrice: 
Bompiani, Milano

In questo libro si intrecciano il tema della morte e del “diverso”. L’autore Paulo Coelho attinge dalla sua stessa esperienza di vita, i ricordi di tre anni consecutivi vissuti in un ospedale psichiatrico, per portare alla luce una storia, la storia di Veronika, che stanca della propria esistenza decide all’improvviso a 24 anni di togliersi la vita ingerendo una forte dose di sonniferi.

Autore recensione: 
Emilia Uccello
Voto: 
8

ACCOMPAGNARE IL MALATO TERMINALE

Autore: 
Maurice Abiven
Anno: 
2001
Casa Editrice: 
Centro Scientifico Editore, Torino

Un libro sulla natura della medicina e della Sanità e sul ruolo che esse hanno oggigiorno nella nostra società.Un libro sulla professionalità e la formazione degli operatori sanitari, sulla collaborazione di discipline diverse ed il lavoro di equipe. Un libro sulla vita, la sofferenza e la morte e,insieme,sull’importanza del “prendersi cura”.
Questo e molto di più è il testo di Maurice Abiven, celebre palliativista francese, che ha contribuito a rivoluzionare l’approccio al paziente nella fase terminale, stimolando il ritorno ad una concezione olistica del malato-persona.

Autore recensione: 
Elisa Valdambrini
Voto: 
6

AD OCCHI APERTI. LA RELAZIONE D'AIUTO ALLA FINE DELLA VITA E NELLE ESPERIENZE DI PERDITA

Autore: 
Nicola Ferrari
Anno: 
2005
Casa Editrice: 
Raffaello Cortina, Verona

Questo volume, scritto a più mani, costituisce sicuramente un utile manuale per medici, infermieri, psicologi e volontari che, quotidianamente, “vivono la morte” dei propri pazienti ed oltre a superare il proprio trauma, devono anche aiutare i familiari ad elaborare il lutto. Il testo, tuttavia, non è riservato solo agli addetti ai lavori, ma fornisce suggerimenti preziosi a chiunque si trovi ad affrontare l’esperienza della perdita di una persona cara.

Autore recensione: 
Elisa Valdambrini
Voto: 
8

ALL'ALBA DELLA VITA. GLI INCERTI CONFINI DELLE CURE NEONATALI

Autore: 
Maria Serenella Pignotti
Anno: 
2008
Casa Editrice: 
Le Lettere, Firenze

Il volume di Maria Serenella Pignotti si inserisce all’interno della diatriba esistente sui confini delle cure intensive neonatali.

Autore recensione: 
Emilia Uccello
Voto: 
10
Cripta dei tre scheletriMorte di EttoreDettaglio sarcofagoLapide con teschioLa scienza e la filosofia della vitaDiscussione sulle cure di fine vita in ToscanaSydney - Waverley CemeteryMorte d'Arthur
Condividi contenuti