Karen Berg per una Visione Spirituale del Mondo

19/03/2017 16:00

Domenica 19 Marzo 2017 a Roma presso The Westin Excelsior in Via Vittorio Veneto 125, Karen Berg avrà il privilegio di condividere, in questo momento così favorevole nella storia nell'umanità, una visione spirituale del mondo.

Il Fondatore del Kabbalah Centre, il Kabbalista Rabbi Ashlag, ebbe una bellissima visione: frutto di 12 anni di scrupoloso lavoro. Parla di un mondo in cui gli individui scelgono la religione in base al proprio percorso, e tuttavia, in profondità, tutti questi percorsi saranno parte di un'unica comunità spirituale globale.

Nell’Antico Testamento, nel capitolo che parla di Noé, si dice che il Creatore ci chiese di essere produttivi e numerosi. Siamo destinati ad essere vari, diversi, e allo stesso tempo di agire come Una Cosa Sola. Dobbiamo rispettarci l'un l'altro e celebrarci nella nostra diversita' perché ciascuno di noi ha dentro di sè quella scintilla del Creatore che ci unisce in una sola totalità - sebbene l’idea di una sola religione, non abbia mai fatto parte dei piani del Creatore.

A fronte delle diversità nelle nostre religioni e nei nostri sistemi di credenze, sono questi due concetti ciò che dovrebbe unire tutte le religioni sotto un'unica spiritualità globale:

1. La ricerca costante del bene per la nostra comunità
2. La consapevolezza del proprio ego e il tentativo di ridurlo

__

Porte aperte ore 16:00 - Inizio dell'evento alle 17:00

Lingua: Inglese con traduzione simultanea
Prezzo: 30 € con pre-iscrizione e 40 € all'ingresso
La pre-iscrizione termina il 18 Marzo a mezzanotte

Clicca qui per iscriverti

Karen Berg: Karen Berg viaggia in tutto il mondo per condividere il suo messaggio di spiritualità universale e di pace globale.
Crede che la pace e l'armonia possono solo venire attraverso le persone e che ciascuno di noi individualmente ha il potere di contribuire alle condizioni del mondo.

Gli stati vegetativiDavid GansIl PapaInizio corteo macabroMessa dei MortiTavola rotonda: "Come si muore in Toscana"DettaglioMorte d'Arthur