Antropologia, Etica, Letteratura, Psicologia, Sanita', Spiritualità

L'ELABORAZIONE DEL LUTTO

Autore: 
Ursula Markham
Anno: 
1997
Casa Editrice: 
Mondadori, Milano

Ognuno nel corso della vita può avere a che fare con la morte di una persona cara: pochi, però sono preparati ad affrontare in modo equilibrato un evento così doloroso. Con questo libro l’autrice, grazie alla sua lunga esperienza di terapeuta – e dopo aver vissuto direttamente la morte del marito- intende guidare il lettore nei meandri delle sensazioni, dei sentimenti negativi, degli ingiustificati sensi di colpa che si scatenano nell’animo di chi viene colpito da un grave lutto.

Autore recensione: 
Teresa Cefali
Voto: 
6

LA COMUNICAZIONE MEDICO/SANITARIA. LE TRANSAZIONI SULLA SALUTE NELLA COMUNICAZIONE OSPEDALIERA, AMBULATORIALE E DI PRONTO SOCCORSO

Autore: 
Maria Vittoria Borella
Anno: 
2004
Casa Editrice: 
Franco Angeli, Milano

L’autrice, psicologa esperta di tecniche di comunicazione, nonché docente di Comunicazione presso la Scuola post-universitaria per medici "Agorà" di Milano, parte dall’analisi dei meccanismi della comunicazione umana, verbale e non verbale, per poi passare ad esaminare le peculiarità della comunicazione sanitaria in ospedale, in ambulatorio e nel pronto soccorso.

Autore recensione: 
Elisa Valdambrini
Voto: 
7

LA DOLCE MORTE

Autore: 
Marie de Hennezel
Anno: 
2002
Casa Editrice: 
RCS Libri, Milano

Marie de Hennezel, psicologa e psicoterapeuta, con alle spalle anni di esperienza all’interno di èquipe di cure palliative, vuole, attraverso questo suo libro, porre l’attenzione su un argomento oggi molto dibattuto, l’eutanasia ovvero, secondo alcuni, la dolce morte.
"Che cosa significa oggi la parola ‘eutanasia’? Decisione di alleviare il dolore, decisione di interrompere trattamenti ormai inutili, oppure l’atto di provocare deliberatamente la fine di una vita, per porre termine a una sofferenza?"

Autore recensione: 
Emilia Uccello
Voto: 
10

LA LIBERTA' DELLA VITA

Autore: 
Giulio Giorello ed Umberto Veronesi (a cura di Chiara Tonelli)
Anno: 
2006
Casa Editrice: 
Raffaello Cortina, Milano

Cosa succede quando un medico ed un filosofo si incontrano? Potrebbe essere l'inizio di un indovinello o di una barzelletta, ma non è così, questo è ciò che ha portato alla nascita di un libro in cui due uomini provano a confrontarsi su alcuni argomenti importanti di oggi, che, il più delle volte, al posto di incuriosire, spaventano.

Autore recensione: 
Emilia Uccello
Voto: 
10

LA PERDITA

Autore: 
Manuela Fraire e Rossana Rossanda (a cura di Lea Melandri)
Anno: 
2008
Casa Editrice: 
Bollati Boringhieri Editore, Torino

Due donne si incontrano e iniziano a parlare. Sembra una cosa comune, anzi normalissima, ma che succede quando le parole di queste due donne iniziano a scandagliare a loro modo un argomento tanto profondo come la “perdita”?
Nasce un connubio, un filo logico attraverso il quale le parole si snodano e i pensieri iniziano a prendere corpo nel tentativo di far capire all’altro il proprio punto di vista.

Autore recensione: 
Emilia Uccello
Voto: 
10

LA RELAZIONE MEDICO-PAZIENTE. COME RIUMANIZZARE IL RAPPORTO: MANUALE INTRODUTTIVO

Autore: 
Antonio Virzì
Anno: 
2007
Casa Editrice: 
Franco Angeli, Milano

Dopo aver inizialmente illustrato le interpretazioni storiche della relazione medico-paziente, Virzì delinea i tratti della relazione ideale per evidenziare, poi, alcuni difetti tipici che, nella realtà, ricorrono nel comportamento di medici e pazienti e che rendono difficile il loro rapporto.

Autore recensione: 
Elisa Valdambrini
Voto: 
8

LA SOFFERENZA DEL CORPO. INTERPRETAZIONI DEL VISSUTO DI MALATTIA NEI DIVERSI MODELLI DELLA RELAZIONE TERAPEUTICA

Autore: 
Eleonora Augruso
Anno: 
2006
Casa Editrice: 
Guerini

A partire dalla critica ad una visione tendenzialmente tecnico-scientifica della malattia, l’autrice si propone di offrire spunti di riflessione sulla possibilità di ridefinire la relazione terapeutica in un senso più adeguato alle richieste d’aiuto, più o meno esplicite, provenienti dalla persona che soffre.

Parlare di inadeguatezza all’appello del sofferente ci permette di focalizzare l’attenzione sulle modalità ambigue del dibattito attuale in merito a problematiche di questo tipo.

Autore recensione: 
Mariella Orsi
Voto: 
8

NARRAZIONE E FINE DELLA VITA. NUOVE POSSIBILITA' PER VALUTARE LA QUALITA' DELLA VITA E DELLA MORTE

Autore: 
Deborah Gordon e Carlo Peruselli
Anno: 
2001
Casa Editrice: 
Franco Angeli, Milano

Questo volume, scritto da un illustre medico palliativista e da un’antropologa esperta di ricerche qualitative, propone l’utilizzo di un approccio narrativo ed interpretativo allo studio della fase terminale della malattia; tale approccio si rifà esplicitamente alla fenomenologia ermeneutica e parte dal presupposto che le storie di malattia possono essere pienamente comprese solo se si prendono in considerazione le prospettive interne dei singoli soggetti coinvolti, la loro interpretazione di questa esperienza e la loro attribuzione di sensi e significati.

Autore recensione: 
Elisa Valdambrini
Voto: 
10

PENSARE LA MORTE?

Autore: 
Vladimir Jankélévitel
Anno: 
1995
Casa Editrice: 
Raffaello Cortina, Milano

Il filosofo propone una lettura non convenzionale sul tema della morte, sulla quale - dice - "c'è solo da sapere che non c'è niente da sapere ".

Autore recensione: 
Mariella Orsi
Voto: 
8

PENSIERI DEL TEMPO BREVE. PRENDERSI CURA DEL MALATO DI TUMORE: LO PSICOLOGO A CASA

Autore: 
Roberta Cini
Anno: 
1999
Casa Editrice: 
Del Cerro

Roberta Cini, impegnata da anni come psicologa nelle cure palliative, con questo libro ci apre lo sguardo sui sentieri più nascosti di chi si trova a vivere una fase difficile della propria esistenza.
Il percorso evocato dal testo parte dalla descrizione del ruolo dello psicologo all’interno di un’équipe operante nelle cure domiciliari, per soffermarsi poi sui compiti di tutte le figure professionali e dei volontari coinvolti nell’assistenza al malato.

Autore recensione: 
Emilia Uccello
Voto: 
8
Il giovane e lo storpio mendicanteLe cure palliative in ToscanaLapideAngelo della MorteEdificio funerarioPère Lachaise 23Morte e vitaCrocifisso
Condividi contenuti