Sociologia

Boschi vivi: un cimitero naturale per la salvaguardia del paesaggio

Boschi Vivi è una cooperativa e un progetto di economia circolare: si tratta dell'unico servizio di interramento delle ceneri che opera in area boschiva in Italia e che reinveste i propri utili in progetti di salvaguardia dei boschi e dei paesaggi. Nata nel marzo 2016, Boschi Vivi si pone inoltre l'obiettivo di rendere il bosco prescelto per l'interramento un luogo partecipato, organizzando all'interno attività ludiche e ricreative e rivoluzionando di fatto il sistema dei servizi cimiteriali.

FILE festeggia i suoi 15 anni a Palazzo Vecchio

Il 24 maggio FILE desidera ricordare i 15 anni della sua storia insieme ai molti sostenitori - “vecchi” e nuovi -, ai volontari e agli amici che hanno supportato questa realtà dal 2002 ad oggi.

Prendiamoci cura di noi

Sulle pagine de La Repubblica Concita De Gregorio trascrive nella sua rubrica "Invece Concita. Il luogo delle vostre storie" alcuni passaggi della lettera ricevuta da un medico di Busto Arsizio, Federica Pozzi, che parla di cure di fine vita, in un momento in cui, nel nostro paese, questo tema risulta essere sempre più predominante.

Terapia del dolore e cure palliative: due italiani su tre ignorano la legge 38/2010

L’Osservatorio per il monitoraggio della terapia del dolore e Cure palliative, realizzato sette anni fa dalla Fondazione nazionale Gigi Ghirotti Onlus in collaborazione con la Fondazione Isal e l’Osservatorio ministeriale per il monitoraggio delle cure palliative e la terapia del dolore, previsto dalla stessa legge 38/2010, ha tirato le prime somme attraverso un'indagine sull’attuazione e la conoscenza della legge.

Grazie David...

Lo scorso 10 gennaio il mondo della musica è stato scosso dalla morte del cantante David Bowie e in tale frangente Mark Taubert, specialista in cure palliative, attraverso il sito del Bmj, ha ricordato la scomparsa del cantante ma soprattutto il suo esempio di fronte alla morte: "La tua storia è diventata per noi un modo per parlare molto apertamente della morte."

La morte disumana

La terrificante notizia degli immigrati morti per asfissia nel camion posteggiato lungo l’autostrada che unisce Budapest a Vienna non lontano dal percorso di una ben più antica strada percorsa però in senso contrario dai barbari di tantissimi secoli fa, quella del Danubio, e il recente, quasi contemporaneo ritrovamento di altri immigrati morti per asfissia nella stiva del barcone soccorso dalla Poseidon della missione «Triton» nello stretto di Sicilia, mi hanno fatto pensare a tanti uomini e donne, nonché bambini, di fronte alla morte.

I didn’t want that

I didn’t want that è uno dei molti filmati e materiali sulla terminalità presenti sul sito Internet DyingMatters.org, che si prefigge di stimolare le persone a modificare il modo di pensare alla morte.

2° Incontro con la Città di Firenze

Domani, giovedì 13 febbraio alle ore 17.00, presso l'Auditorium dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze in Via Folco Portinari, 5r a Firenze si terrà il 2° incontro organizzato dalla Fondazione FILE per il ciclo di incontri con la Città di Firenze dedicati alle tematiche del sostegno al lutto per le famiglie con bambini e adolescenti e per le scuole "Bambini e adolescenti a confronto con la perdita: pensieri, parole, immagini, emozioni...".

L’ascolto dell’esperienza del paziente per l’appropriatezza e la qualità delle cure

Il 13 dicembre è stata presentata in senato la carta dell'ascolto e della partecipazione del paziente.

Dal vitto alla cura. Gli ospedali italiani si adeguano alle diverse religioni

Il Ministro Balduzzi ha istituito in questi giorni un gruppo di lavoro con l'obiettivo di progettare e sviluppare linee e modelli omogenei nei Servizi Sanitari Regionali per l’accoglienza multi religiosa all’interno dei servizi e presidi ospedalieri e distrettuali.

Morte dell'AmazzoneDavid GansLapide con teschioArs MoriendiTreviri - Vecchio Cimitero EbraicoJuhda Löw ben BezaleelMorte d'ArthurLe cure palliative in Toscana
Condividi contenuti